L’apertura delle tre giornate è affidata sia al gioco che all’approfondimento dell’aspetto storico e psicoantropologico della Festa dei Morti attraverso laboratori per bambini e adulti.

Nelle civiltà più antiche ma anche solo nel nostro recente passato, la morte non era un tabù ma una realtà naturalmente dolorosa che i più piccoli vivevano con quelle emozioni anche dure che li accompagnavano in un percorso di crescita.

Oggi, la nostra civiltà ha quasi cancellato il concetto di morte, l’idea del ciclo, la coscienza del principio e della fine per consegnarci all’illusione fragile di un’eterna giovinezza o al disorientamento della morte virtuale, televisiva che narcotizza le emozioni, protegge ed ovatta allontanando soprattutto i giovani dalla realtà.

Da questa lettura della contemporaneità nasce l’idea di proporre due laboratori che mettono in campo le emozioni dei più piccoli ma anche degli adulti.

Lab.Arti Circensi

laboratori giocoleria sicilia

Sab. 01
Cortile Convitto Ragusa

Lab.Musicoterapia

laboratori oltrenoto

Ven. 31  e Sab. 01
Biblioteca Comunale Sala Lettura

Buskers Festival